La fine del mercato tutelato dell’energia è ormai prossima, anche se rinviata alcuna una volta a gennaio 2022. Come funzionerà il processo? Conviene da subito spostarsi sul mercato libero senza aspettare due anni?

Mercato tutelato verso la fine: tutto ciò che c'è da sapere sul futuro delle bollette di luce e gas

Sembrava che dopo ripetuti rinvii da luglio 2020 fosse prevista anche in Italia l’abolizione delle tariffe elettriche e del gas del servizio di maggior tutela, ovvero il completo passaggio al mercato libero dell’energia. Invece con il decreto Milleproroghe il provvedimento è ulteriormente slittato a gennaio 2022.

Evidentemente secondo il governo l’Italia ancora non è pronta ad affrontare una piena liberalizzazione di un mercato come quello dell’energia che da sempre deve far fronte a una situazione sostanzialmente ancora di oligopolio piuttosto farraginoso e poco chiaro.

Il rischio, infatti, era quello di dare vita ad un mercato selvaggio verso clienti poco informati e non preparati ad affrontare un mercato che potrebbe secondo alcuni assomigliare ad una sorta di far west.

Ma cerchiamo di capire cosa significa il mercato tutelato e quello invece senza tutela.

Cosa significa la fine del mercato tutelato

In altre parole, i clienti in maggior tutela, con la nuova normativa, non potranno più pagare la luce ed il gas al prezzo del tutelato, ma dovranno scegliere un fornitore del libero mercato. Negli anni ‘90 il Dl. n. 79 del 16 marzo 1999 (decreto Bersani) ha avviato la liberalizzazione del mercato. Tale decreto, che recepiva ufficialmente le indicazioni della direttiva comunitaria del 1996 volta alla creazione del Mercato Unico dell’energia in Europa, ha portato a una graduale liberalizzazione delle attività di produzione, importazione, esportazione, acquisto e vendita di energia elettrica.

Dal luglio 2007 il mercato dell’energia in Italia è liberalizzato. Ogni fornitore può decidere di entrare sul mercato in qualsiasi momento e gli utenti possono liberamente decidere a quale fornitore rivolgersi.

Secondo l’ultima relazione annuale ARERA (Autorità per la Regolazione per Energia Reti e Ambiente), gli italiani interessati a questo passaggio sono poco meno di 17 milioni. Circa la metà delle utenze in Italia, che si stima in 30 milioni, dovrà obbligatoriamente passare alle offerte del Mercato Libero entro luglio 2020.
In alternativa, entrerà nel cosiddetto mercato di salvaguardia clienti domestici del mercato a maggior tutela, ad oggi, rappresentano il 57% delle quote del mercato.

Ciò vuol dire che il mercato libero sta avanzando, è passato dal 49 al 53% dal 2017 al 2018. Questo perché forse non è ancora stato ben chiarito la differenza fra le due tipologie di mercati. Molti non effettuano lo “switch” perché non sono stati bene informati su cosa significhi la liberalizzazione del mercato energetico.

La differenza tra il mercato tutelato e il mercato libero

Con il mercato tutelato, i consumatori hanno accesso all’energia alle condizioni economiche e contrattuali fissate dall’autorità per l’energia. Concretamente, la “tutela” è la condizione che garantisce a tutti quei consumatori che non hanno ancora aderito al mercato libero contratti energetici in cui il prezzo dell’energia è calibrato trimestralmente da ARERA in base all’oscillazione del valore delle materie prime sul mercato.

Con il mercato libero, invece, non ci sarà più l’authority di Stato a controllare i costi dell’energia e il mercato sarà determinato dalle società elettriche che offriranno, in concorrenza tra loro, diverse soluzioni contrattuali ai consumatori. Gli utenti perciò sceglieranno l’operatore che offre le tariffe migliori secondo le loro esigenze e con il prezzo determinato appunto dalla concorrenza tra operatori e dall’incrocio tra domanda e offerta.

A cosa fare attenzione

Questo, come di solito avviene, dovrebbe portare sicuramente benefici agli utenti, perché inevitabilmente maggiore concorrenza produce quasi sempre un abbattimento dei costi per i consumatori. Ma occorre però avere delle accortezze per evitare che si possa finire nelle mani di qualche operatore senza scrupolo. Ecco che allora che diventa determinante scegliere con cura il fornitore del servizio.

Ma oltre a questo sarebbe anche necessaria una politica di informazione proprio per tutelare i consumatori, che rischiano di trovarsi di fronte a una sorte di giungla, di fronte ad una moltitudine di operatori che cercheranno qualsiasi mezzo per conquistare nuovi utenti. Per sgomberare il campo da equivoci, che purtroppo potrebbero capitare, è utile dire con chiarezza che, nel caso in cui il consumatore non dovesse uscire dal mercato tutelato in tempo scegliendo un nuovo fornitore, non subirà né penali, né distacco della fornitura.

Verrà assegnato automaticamente a un fornitore sulla base di modalità ancora da definire, nel cosiddetto mercato di salvaguardia. Secondo alcuni però questo passaggio potrebbe comportare una tariffazione più alta rispetto alla libera scelta di un operatore del mercato libero. Ecco perché soprattutto è stata presa la decisione di un nuovo rinvio.

La questione infatti a cui molti utenti si troveranno di fronte è come scegliere fra le decine di operatori presenti (ed altri ne arriveranno) quello più confacente alle proprie esigenze, senza rischiare poi di cadere in qualche operatore, magari un po’ “spregiudicato”.

L’informazione è sicuramente la base per poter fare la propria scelta. Ma spesso da sola non basta, perché dietro ad alcune offerte spesso potrebbero nascondersi delle insidie.

Il possibile apporto della blockchain

Ecco allora che su questo punto un valido aiuto potrebbe essere dato dalle nuove tecnologie, come per esempio, la blockchain. La nuova e innovativa tecnologia che permette di operare qualsiasi transizione in maniera decentralizzata e sicura potrebbe essere una soluzione ottimale per garantire che il servizio possa avere tutti crismi di sicurezza e garanzia del caso.

La blockchain, infatti, garantisce che ogni transazione venga fatta in maniera sicura, affidabile e certa, senza intervento di nessun mediatore esterno e grazie ai cosiddetti “smart contract” dà la possibilità di operare nella massima trasparenza e sicurezza.
Ad oggi non vi è alcun operatore sul mercato che possa offrire un servizio di erogazione di energia e gas in blockchain, ma non è detto che in futuro ciò non possa accadere.

 

fonte:https://www.money.it/Mercato-tutelato-fine-cosa-sapere-bollette-luce-gas

È da più di 10 anni che lo Studio Marco Assandri si occupa di fornire soluzioni concrete per il risparmio energetico, ad aziende e privati, con un team di professionisti qualificati in grado di farti preservare la tua risorsa più preziosa. Il tempo.

Newsletter